• Benvenuto sul nuovo portale di
    Mons. Giuseppe Mani

  • Giuseppe Mani

    Cattedrale Web

Buona novella

Perché dubitare?

Perché dubitare?

XIX Domenica del T.O.

Ogni miracolo, come ogni parabola del Vangelo ha un significato. La chiave di lettura del Vangelo di oggi è nelle ultime parole “Veramente tu sei il Figlio di Dio”. Si tratta quindi di un miracolo per consolidare la fede dei discepoli, un segno per la loro fede.

Solitudine e preghiera

Solitudine e preghiera

XVIII Domenica del T.O.

Il vangelo di oggi comincia con una importante informazione che arriva a Gesù: Giovanni è stato arrestato. Gesù come reagisce a questa notizia: sale su una barca e si ritira in un luogo deserto per restare in solitudine. Il testo poi continua “dopo aver congedata la folla salì sul monte, solo, a pregare, Venuta la sera egli se ne stava ancora solo lassù”. Il punto comune delle due reazioni è una scelta di solitudine.

Ispirare le nostre scelte e le nostre azioni

Ispirare le nostre scelte e le nostre azioni

XVII Domenica del T.O.

Le due parabole del Vangelo di questa domenica, quella del tesoro nascosto e della perla preziosa nascondono delle chiare differenze nella persona del cercatore. Nella prima il tesoro era invisibile, nella seconda, la perla era visibile a tutti. Anche lo stesso motivo del loro comportamento è diverso. Per il primo è la Gioia “E’ per lui una grande gioia”. Per il secondo il motivo è il valore della perla.

Perché dubitare?

Perché dubitare?

XIX Domenica del T.O.
Solitudine e preghiera

Solitudine e preghiera

XVIII Domenica del T.O.

La fede in tempo di pandemia

Ce l’abbiamo fatta

Ce l’abbiamo fatta

Ce l’abbiamo fatta - e speriamo che non siano le “ultime parole famose”! - a non essere le vittime del coronavirus. Almeno materialmente parlando, perché socialmente e psicologicamente siamo ammalati tutti. Non parlo poi di noi candidati al “coronagloriae”, in quanto vecchietti, perché la cosa prende davvero del pittoresco.

Guarda tutti i video

Lettera della settimana

Santa Sofia ridiventa Moschea

Santa Sofia ridiventa Moschea

Santa Sofia, una delle chiese più importanti della nostra fede, consacrata alla Divina Sapienza ridiventa di Nuovo luogo di culto Islamico. Qual’ è la sua storia.

Il Vescovo Risponde

Da sessanta anni prete!

Da sessanta anni prete!

Don Giuseppe, sessanta anni fa, come oggi diventavi prete. Cos’è cambiato nella chiesa da allora?
Niente, anzi la moda. Si la moda, il modo con cui i preti si vestono in chiesa e fuori chiesa anche se non mancano quelli che preferiscono lo stile un pò “demodè”o “vintage” direbbero gli inglesi ma la sostanza è sempre quella, non è cambiato niente.

Formazione permanente

Una omelia da non perdere

Una omelia da non perdere

Una omelia da non perdere, per questo ve la giro perché possiate anche voi compiacervi sulla verità annunciata dall’Arcivescovo di Parigi Mons. Aupetit: si giustificano le cattive azioni con buoni sentimenti. 

Iscriviti alla newsletter

Scrivi a Mons. Giuseppe Mani

Scrivia Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Copyright © 2019 giuseppemani.it - Powered by NOVA OPERA