Dio salva

IV Domenica di Quaresima

Dio salva

Le letture di questa domenica pongono un problema alla nostra fede: i guai che ci affliggono sono una punizione di Dio  per i nostri peccati o no? E’ stato detto che perfino il terremoto era mandato da Dio per punirci. Certamente tra la concezione di Dio che “fa scontare i suoi sabati violati” come si legge nella prima lettura tratta dal libro delle cronache e l’affermazione di Giovanni “Dio ha mandato suo Figlio nel mondo non per giudicare il mondo ma per salvarlo per mezzo di Lui”, come ha salvato il suo popolo dal morso dei serpenti nel deserto,  appare la convinzione che “Dio è ricco di misericordia” (Ef 2,4).

Tutte le volte che ci troviamo dinanzi alle sofferenze dovute alle ingiustizie  e ai capricci dei potenti dobbiamo disfarci dell’idea troppo corta di Dio. Dinanzi al male del mondo possiamo addirittura arrivare a pensare che Dio non esiste  o addirittura che è la sua opera di giustiziere che ci fa soffrire. E’un’idea  troppo corta di Dio  che dobbiamo allontanare  e vedere invece le possibilità che Dio ci ha donato.

Le avventure della libertà. Chiamando Dio Padre riconosciamo che Dio ci ha creati liberi e che la libertà è una forza prodigiosa  di realizzazione e di amore. “Dio ci ha creati in Cristo perché facessimo opere buone” (Ef 2,10) Una vita vale per l’uso che fa della sua libertà. In forza della libertà creatrice ha la possibilità di realizzare il più grande amore, la più grande condivisione. In forza di questa libertà ha addirittura la possibilità di perdonare. La libertà è creatrice e possiamo segnare ogni giorno le opere della nostra libertà. Ma per il fatto che è libertà può rivolgersi su se stessa ed  essere utilizzata per il proprio egoismo.

Per poco che si possa riflettere si può capire che Dio non è il responsabile delle nostre calamità, ma basta pensare che la storia umana è un intreccio di milioni e milioni, di miliardi di libertà umane che attraverso i secoli hanno costruito pace e giustizia ma  dolorosamente  anche “hanno preferito le tenebre alla luce” decidendo di prendere il cammino dell’egoismo. La nostra storia attuale è il risultato di tutte queste avventure di libertà. E’ il mistero stesso della vita e della storia, il mistero stesso del male. E’ anche il mistero della speranza che ogni giorno si accende nel cuore.

L’amore, verità della libertà.

La potenza del male che oggi vediamo ci dimostra la potenza della libertà e ci dimostra cosa può una libertà tutta intera rivolta verso il suo compimento, verso la libertà, verso la realizzazione dell’amore. Il Vangelo ci dice: “colui che agisce secondo la verità viene alla luce perché le sue opere siano riconosciute come le opere di Dio.”

Gesù è venuto tra noi per dimostrarci fino a che profondità il cuore umano è libero di amare. “Dio ha tanto amato il mondo da donare il suo Figlio unico”. Gesù però non ci ha dato una lezione di morale ma ha vissuto la nostra vita, le nostre contingenze, ha conosciuto la tortura e la prigione, la morte e in tutto questo ha affermato la potenza della libertà umana proponendoci la parte più tenebrosa dell’esistenza ma non  soltanto questa ma ci invita ad impegnare il nostro amore e a proporre l’esempio di una libertà come forza liberante a tutti i nostri fratelli perché scoprano che “Dio è ricco di misericordia” e che ottengono la vita eterna attraverso la fede in colui che ci ha salvati: Gesù Cristo.

Copyright © 2017 giuseppemani.it - Powered by NOVA OPERA

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioni Ok