Il Suo Amore ci precede

Natività di San Giovanni Battista

Il Suo Amore ci precede

Gli psicologi sono unanimi nell’ammettere che un bambino per crescere in maniera equilibrata deve avere un padre e una madre. Il nome del padre, che porta è un punto essenziale di accesso alla sua identità.
Il vangelo di questa domenica ci rivela qualcosa di molto importante: il bambino che sta per nascere non riceve il nome di suo padre: Tutti i vicini sono sorpresi da questo. Al fanciullo il nome viene dato dalla madre e dal padre. La cosa rivela che la decisone viene da Dio. Zaccaria ed Elisabetta danno al bambino un nome che non è familiare.

Per capirlo bisogna essere attenti al significato del nome Giovanni che è la trascrizione ebraica di Johannan “ Dio fa grazia”, significa che Dio compie la sua Parola.
I vicini si chiedono “Che sarà di questo bambino” non nel senso di che cosa farà da grande ma cosa farà Dio di lui. Qual è la novità che appare?
La novità è detta dal nome Giovanni Battista, cioè l’inventore del Battesimo. Esisteva in Israele come nelle altre religioni un rito di purificazione ma questi riti erano una preparazione al rituale che rimette i peccati: il sacrificio. Ora il battesimo di Giovanni non è un rito preparatorio ma un gesto che rimette i peccati. Giovanni è creatore di un gesto che non ha precedenti nella storia del popolo eletto né nelle altre religioni.
Giovanni non è un uomo del tempio, egli vive fuori della città, non è un uomo dell’istituzione ma l’uomo del deserto, nella simbologia biblica il luogo della resistenza e del rinnovamento. Giovanni non è l’uomo della legge ma l’uomo della Grazia di Dio.
E’ anche il precursore di Gesù messo in carcere e ucciso perché insegnava come i profeti antichi che l’amore e meglio di tutti i sacrifici.
Giovanni Battista ci rivela il Dio della novità, ci apre il Nuovo Testamento. Noi diventiamo cristiani attraverso il battesimo: dobbiamo questo rito a Giovanni Il Battista. Dobbiamo questa libertà a colui che Dio ha chiamato Johannan “Dio fa grazia”, e il suo amore ci precede. La nostra celebrazione eucaristica è la memoria di un amore che ci precede.

Copyright © 2017 giuseppemani.it - Powered by NOVA OPERA

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioni Ok